La durezza dell’acqua indica il contenuto di sali presenti nell’acqua, in particolare calcio e magnesio responsabili tra le altre cose della formazione del calcare nelle tubazioni.
La durezza ideale per l’impianto è di circa 15°, mentre sopra i 25°f l’acqua è considerata dura ed è necessario l’utilizzo di un addolcitore.
Il grado di durezza dell’acqua sale quando maggiori quantità di calcio e magnesio sono disciolti in essa.

A livello domestico il modo migliore per addolcire l’acqua é l’utilizzo di un addolcitore allacciato direttamente al contatore dell’acqua. In alternativa su acque di durezza inferiore a 35°f è possibile valutare l’utilizzo di un dosatore di polifosfati, possibilmente meccanico e volumetrico: i polifosfati non rimuovono il calcio ed il magnesio dall’acqua ma lo rendono incapace di incrostarsi sulle tubazioni e formare il calcare, sciogliendo quello già presente e ricoprendo l’impianti di uno strato protettivo.